sabato 14 febbraio 2015

Battle

Arriviamo alla sette di sera, piove di traverso, apriamo il lodge: perlinato scuro, lampade al neon, due divani a due posti, cucina componibile color panna, un'aria da Aiazzone.  Credetemi per provare o viceversa.

Cri: Sembra la tavernetta dei Correggia.
Io: Deve essere passato mio padre (n.d.a.: folle amante del perlinato, negli anni settanta avrebbe perlinato anche l'Alfasud)
Cri: Sì anche.

Siamo stranamente pieni di fango (esagerazione: si tratta di strisce sui jeans e scarpe malconce, ma si sa noi italiani amiamo uscire indenni anche quando la merda sale agli irti colli), la macchina deve aver caricato tutta la terra del viale d'accesso dell'Holiday Park di Crowhurst.

L'inizio non promette bene, mentre al solito i bambini sono entusiasti, come tutti gli altri inglesi villeggianti qui... infatti vediamo un sacco di macchine parcheggiate ma dove cazzo sono gli inglesi? 

Tappati in casa, birre, quiz e xfactor. Comunque li adoro, si accontentano di poco, amano la natura e si comprano pure questi bungalow portatili a prezzi assurdi, basta che un po' di acqua bollente gorgogli in una spa, una piscina coperta, conigli e scoiattoli che nel verde silenziosamente defecano rotonde palline di compost... il solito verde splendido alla vista, scivoloso al tatto, inodore all'olfatto, pieno di volatili all'udito.

I bambini sono al solito contenti, anche del bagno, perlinato che neanche un monolocale a Salice d'Ulzio... il lodge si chiama Virginia 20, tra il Minnesota 21 e il Vermont 19 (americani i proprietari?) e la vista? di notte non si vede, ma di giorno... modestamente qui noi si può giocare la carta Turner, non Tina, ma Joseph Mallord William Turner, il grande pittore inglese. 

Quasi Turner, in realtà Samsung Young.
Seduto esattamente dove ora scatta il bollitore per il the, o forse lì fuori all'altezza della veranda ha dipinto duecento anni fa, nel 1816 to be precise, uno dei suoi paesaggi (per chi vuole ora alla Tate Britain) sospesi tra l'eternità e il giorno...

Pensavo fosse san Valentino, invece era un paesaggista in calesse a Battle, East Sussex.

Seguono aggiornamenti.

Nessun commento:

Posta un commento