domenica 10 novembre 2013

Le forme tra noi leggere, Silvia Forese

Se le ombre fossero colorate e non ci inseguissero irregolari e non sparissero a tratti, infilate in qualche fessura, ma fossero più di una nostra immagine riflessa, saremmo forse più creativi, o magari più candidi, guarderemmo in faccia i nostri simulacri e forse ne rideremmo. Con grazia e con leggerezza.

Il catalogo di Silvia Forese girava per casa da un po' in attesa di un pretesto e non erano solo gli acrilici - essenziali nella loro prospettiva elementare - ma in particolare le installazioni, fatte con il nastro adesivo, il tape colorato o bianco, a interessarmi.


Accostato a poltrone fruste, sedie, attaccapanni, oppure installato all'aperto o nel chiuso di una galleria e di un ristorante, il disegno con il nastro finisce con il mostrare, anzi, inizia a mostrare, per molto più di un istante, l'ombra degli oggetti, l'ombra delle persone, del loro passaggio. 

La bidimensionalità del tratto di nastro costringue a guardare, a una riflessione non tanto sul come sarebbe o saremmo, ma sul come è, sul come siamo
L'occasione di osservare noi stessi e le cose senza gli orpelli degli occhi, senza il marketing dello sguardo, senza l'illusione quotidiana della tridimensionalità, contingente, passeggera, ubiqua.


Lo scarto (visivo e concettuale) tra il tape bidimensionale e la realtà diverte, sconcerta: lo sbigottimento di qualcosa o qualcuno osservato per la prima volta, in assenza di materia, per riconquistare qualcosa di perduto, le nostre lost property.

E un senso di gratitudine verso Silvia, che ha fatto qualcosa in vece nostra, dando forma leggera alle ombre.

 "Lost Property" mostra e installazioni di Silvia Forese al Cinnamon Soho, 5 Kingly Street, London.

Nessun commento:

Posta un commento