mercoledì 11 settembre 2013

Il succo del Melograno

contiene la vitamina C B E, ferro magnesio selenio calcio... acido lipoico e acido ellagico, quest'ultimo con il più alto potere anti-ossidante presente nella frutta e verdura che mangiamo.

Attributi che levano di torno non solo il medico, i radicali liberi e tutti i nostri più acerrimi nemici: rosso come il vino, spremuto fresco, dal retrogusto amaro che asciuga la bocca, insomma  mi sono bevuto succo di melograno tutti i giorni e più volte al giorno. 
Cristiana lo preferisce mescolato al succo di due arance. Street food che si trova in ogni angolo di Nablus.

Le zucchine - (kussa) ripiene, piccole, escavate da un taglierino, piene di carne trita e cipolle - resistono prima alla frittura poi alla cottura nello yoghurt, al palato intatte e anche nel colore,  accompagnate da un piatto di riso.

Incontrare solo bambini e anziani e persone dai cinquant'anni in su: dove sono i trentenni dove sono i quarantenni? Devo dirlo dove sono?
Il caffè in tazza con un fiore sul piattino che si chiama "fll", il "bianco bianco", si serve per l'uomo di casa. E' stato servito a me.

Vedere un cucciolo di cane che muore, i gatti affamatti, il passo di un cavallo bianco sul marciapiede, dietro di noi, nell'Italian Park di Nablus. Il Parco si chiama così, l'ha finanziato l'Italia.

Aspettare la knafeh appena sfornata e fare la fila. Saed che ci viene a prendere in albergo e ce ne offre un piatto come segno di benvenuto.

E queste cantilene del muezzin, vocali grattate che rimbalzano, pietre calde riscaldano e trattengono la luce; pietre che solo per noi uomini raccontano storie, pietre che sono pietre.

Facciate anni cinquanta, sessanta e settanta, della Nablus laica, gli anni della OLP, nascoste dalla polvere, nascoste dagli impianti di aria condizionata, dai fili della luce.

Le cineserie, l'eleganza delle donne e i datteri freschi. Il colore dei datteri freschi, che lasciano la bocca asciutta.


Io che faccio di tutto per capire, e sono trattato da ospite. Il senso dell'ospitalità dei palestinesi di Nablus.

Le dita di Fatima, il modo che lei cucina e le provocazione erotiche degli sguardi maschili, la sottile differenza dei sessi.

I tetti della città vecchia di Nablus e ancora il melograno.
Il succo rosso del melograno.

A presto.

Nessun commento:

Posta un commento