martedì 13 agosto 2013

Space oddity


Va bene questa?
Guardavo Peg Leg Bates dalla balconata della Tate. Strano no? di solito in foto faccio il cretino, mi atteggio, interpreto l'altro di me. 

Rimango un vanesio - certo come negarlo? - ma per quanto possa sembrare assurdo, non ho foto serie o seriose di me. E quello che voglio vedere di me è una trasformazione, un make up, un dress up
Mi porto da solo e non ho bisogno di vedermi in foto.

Infatti la casa è piena di ritratti e foto di Cristiana, dei bambini; dalle pareti io sono consapevolmente assente.  

Raramente sono serio, raramente sono me stesso in pubblico, mai con addosso niente, mai nudo lo sguardo, mai nuda la pelle.

Però penso sia un privilegio e una fortuna essere osservati senza sentirsi osservati. 

Può valere questo come augurio di buone vacanze?

Sì, sono convinto di sì.

Buone vacanze
(noi si ritorna all'inizio di settembre, poi vi racconto di Bowie, di Keep the timber limber e dell'ipnosi).

2 commenti: