giovedì 18 luglio 2013

Wapping Project

(London coast to coast 4).
La dea Bendi gira per casa in attesa dell'erede al trono di Inghilterra, la gatta gira per casa cotta da temperature finalmente mediterranee, i figli della dea Bendi e i miei girano per casa con tablet telefonini laptop in alienata comunione di pixel.

L'evento di domenica sera alla Hill Station ha provato le nostre forze residue, con una certa resilienza lunedì abbiamo mangiato per conto nostro qualche rimasuglio, nell'aria aleggiavano i profumi le ansie e gli afrori del giorno prima, passato interamente in cucina con la grande Claire e con la dea Bendi (forse seguiranno ricette).

Quella mattina alle sei Francesco R. ripartiva per Cleveland fino alla prossima (quando?), dopo due giorni di passeggiate e chiacchiere. 

Delle chiacchiere non mi riesce di fare sintesi, credo che entrambi avessimo bisogno di ritrovare di quel serrato scambio di opinoni, a cui eravamo soliti anni fa, la pura e semplice consuetudine. 

Non so quanto i posti abbiano favorito quella consuetudine, ma certo un poco l'hanno alimentata, al punto che per i nostri privati Annales le conversazioni rimarranno legate a quanto di Londra si è visitato insieme.

Per esempio venerdì, dopo Dalston House, riprendiamo la Overground e usciamo a Wapping per visitare il Wapping Project, un vecchia centrale idrotermica di fine ottocento, trasformata in un ristorante e in un teatro - performance.

Nel cortile: scale a pioli e porte appese ai rami di una robusta quercia, un giardino con una serra; la sala del ristorante con i macchinari intatti, i carrelli al soffito con le catene.


Sulla parete di fondo l'ingresso che porta alla Boiler Room.

Si scende infatti da una scala sostenuta al soffitto da due tiranti di acciaio e mancante dell'ultimo gradino, mettendo i piedi su un tappeto rosso; specchi barocchi alle pareti, un piano che suona (senza pianista) brevi sonate classiche e contemporanee, spazio buio se non fosse per i fari occhi di bue, puntati sul quel rosso sanguigno.



Dopo qualche minuto usciamo a riveder le stelle, per non rimanere nella natural Boiler Room.
Poi sul filo di una certa allegra goffaggine si cammina da Wapping lungo tutto l'Ornamental Canal parallelo al Tamigi, fino a St Katharine's Docks, per attraversare il fiume al Tower Bridge, e tenendo la sinistra, si arriva fino al Southwark ParkCoast to coast, riverside to riverside.

Temperature intorno e anche oltre i trenta gradi, ormai la chiamano estate torrida: inglesi con il tanga, svedesi nudi,  italiani in maniche corte e jeans, il maglioncino nello zainetto, non si sa mai.

Nessun commento:

Posta un commento