mercoledì 1 maggio 2013

Fattoush e Pasolini

La nostra casa, la nostra tavola sono colonie nablousine. Siamo colòni, anche per ribaltare il significato della parola colòno. Anzi no, per ribadirlo: l'inglese clown viene infatti dal latino colonus

Cristiana cucina un'ottima fattoush, ad uso e consumo degli ospiti, un'arma di gola e di sollazzo gastrico a scapito dell'ospite di turno, quando si parla di serata fundraising, di una possibile auction eccetera, insomma di lavoro.

Dalla cena con l'ospite non so cosa sia venuto fuori circa la Palestina (io a un certo punto mi defilo), di certo nel mio caso finirà con un sessione di ipnosi (l'ospite è anche un ipnoterapeuta), di cui fornirò a tempo debito dettagli.

Poi sì le ho chiesto di cucinare la fattoush anche per noi, noi soli: in cucina caritatisFatima, mi dice Cristiana, fa tutto con un coltellino sgrauso e un coltellino sgrauso mai deve mancare in una cucina che si rispetti. E Fatima è pure finita su Vogue Italia.

E quindi per una famiglia di quattro, in abbondanza per due, bisogna si deve è necessario:

in una ciotola capiente tagliare, tagliuzzare, sminuzzare a quadratini, a cubettini:

mezza cipolla bianca,
un grosso pomodoro rosso Ferrari,
un cetriolo,
due foglie di insalata,
una manciata di menta, per inutile esattezza: 12 foglie,
un bel po' di prezzemolo,
un terzo di una pitta grande tostata,

poi spolverarvi sopra un cucchiaino di sumac;

a parte preparare sale olio succo di mezzo limone e al momento di servire mescolare tutto insieme.

Il Pasolini nel titolo non c'entra nulla, volevo c'entrasse o volevo piuttosto centrassi io la serata.

Convinto di andare al BFI per assistere a una serata di spezzoni di film e poesie di Pasolini (il BFI ha in corso una intera rassegna sul regista friulano) mi sono trovato gli spezzoni di PPP e le poesie... di altri,  certamente pertinenti per carità, ma di altri poeti! 

Qui sì che mi ci vorrebbe la camera caritatis, ma taccio e la prossima volta leggo meglio l'invito.

2 commenti:

  1. Che mi hai ricordato, con la fattoush! mi sa che devo rifarla anche io (variante con coriandolo al posto del prezzemolo, ché se mia moglie ne sente anche solo l'odore mi insulta per una settimana).

    Sei andato alla serata sul 'new Decameron'? Io alla fine ho rinunciato (lo Study day è stato abbastanza interessante).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serata si chiamava Poets on Pasolini, alla Blue Room.
      Invitato da un amico, pensavo si celebrasse il Nostro invece giovani poeti poetavano e declamavano poesie loro proprie ispirate a brevi poeticissimi spezzoni di film di P.
      Troppo per me, difficile far poesia sulla poesia, a me poi e' sembrato inutile e per me poco interessante. W la fattoush comunque e le mille e una notte
      A presto e grazie del commento
      Il fra

      Elimina