venerdì 12 ottobre 2012

Strangers on a train

Lei dà un'occhialuta occhiata a me e al libro, al libro e a me, e io:
-Un grande
-Davvero?
-Sì. Questo magari meno, ma La Busta Arancione, gliela consiglio
-Ne ho sentito parlare, lo leggerò, grazie, ciao
-Ciao
Schiacciati in metropolitana tra Westminster e St James's Park, il tempo di un paio di sguardi inquisitivi ma ammiccanti, lei una signora con i vestiti in ordine, il trucco, la stanchezza delle cinque de la tarde, il ciao come solo noi sappiamo dirlo, scivolando sulle vocali, io, beh io al solito (ecco non in vestaglia!)...

Che Soldati sia il mio genio degli incontri occasionali?
Da quando Cristiana sullo scaffale dei libri al Sainsbury di New Cross Gate trovò un'edizione inglese anni sessanta de La confessione!? Incredibile, che ci faceva un libro così raro in un supermercato? un che di vocazionale quasi.

Oppure da quando trattenni a stento una delle prime innocentissime slippery erezioni dentro l'elastico degli slip (qui non è il caso di prendermi le misure, perchè nei primi anni ottanta si portavano slip elasticizzati, molto stretti, troppo) guardando la copertina de La Sposa Americana: una coppia, lui di schiena in boxer (non in slip) e lei di schiena nuda con un grembiule da cucina; una roba eroticissima per un dodicenne!

Da quando alla Feltrinelli di Biella chiesi: Avete libri di Soldati? e una ragazza candidamente mi trascinò all'angolo Militaria, mostrandomi un librone sui Marines in Iraq. Effettivamente non ero stato chiaro, anche se non ho proprio quel fisico d'assalto incursore paracadutista "Col Moschin" in congedo.
Anyway, trovai quello che cercavo e ringraziai la feltrinella con contratto da apprendista (feci convesazione, tanto per sdrammatizzare).

Ma ero a St James's Park, la fermata della metro, e tenendo la destra sono uscito dal lato di New Scotland Yard e poi verso Strutton Ground, una via acciottolata e pedonale dove ogni giorno della settimana c'è uno dei mercati ortofrutticoli più centrali di Londra. Arrivo però troppo tardi (ma questa del mercato l'ho scoperta dopo) e allora mi infilo da Oxfam books e trovo una edizione italiana di....

Basta. Questo faccio, non potendo salvare l'anima mia e tantomeno quella altrui, salvo oggetti di carta, usati, se non dimenticati, certo trascurati, che un po' cerco e un po' mi corrono incontro.

Nessun commento:

Posta un commento