mercoledì 7 marzo 2012

Harry ti presento Portia

Un po' di gossip.

La visita del rampollo Windsor in Giamaica arriva proprio quando il primo ministro Portia Simpson Miller vuole tagliare ogni legame con l'Inghilterra: la regina infatti è il capo dello Stato
Una formalità, ma anche no... troppi anni di schiavitù alle spalle e anche il glamour della casa regnante.

Portia dice di Harry: "We are in love with him. He is a wonderful person, a beautiful person". Non era meglio sorridere e basta, Portia?

Rita Marley, vedova di Bob, dice di Harry: "Prince Harry visit's is a blessing... he was born in one love as we were born in one love... he is a gift of God. I am giving him a letter in which I tell him how we will all see his beautiful mother again one day"
E' fuori anche Rita Marley. Come un balcone.

William è intanto nelle Falkland, un sobborgo petrolifero di Londra, a qualche bracciata a nuoto dall'Argentina. Mentre William fa il suo dovere di elicottista, Harry balla il regale reggae...

William è alto e altruista, Harry è alto e alticcio; 
William è serio e sposato, Harry è buffo e scopa in giro. 
William magari buca lo schermo, ma Harry lo sfonda di già*.

Harry assomiglia poco a Charles, di cui si mormora non sia nemmeno il figlio, si parla di un certo Ewitt.
Insomma mater certa, pater numquam fa di lui un personaggio.

In letteratura William sarebbe il sentimento, Harry la passione. 

Tifo per Harry. Non c'è storia.

*Pure con Bolt, e The Times che titola: Prince Harry meets the second fastest man of the planet, ah gli inglesi come sono capaci di tirar(si) la volata

Nessun commento:

Posta un commento