mercoledì 29 febbraio 2012

La rucola anarchica

"Non ho digerito la rucola".
Sto per risponderle ma lei continua:
"Beviamoci un limoncello... (pausa) per digerire."

Così prende la bottiglia dal freezer, poi due bicchierini, fa cin cin da sola e me ne porta uno al divano, dove da poco ho cercato rifugio.
Gambe nude, ciabatte bombate viola (macchiate di vernice), pigiama a spolverino coperto da un maglione grigio indossato a sciarpa, capelli in libertà.

E' andata a dormire presto all'ora dei bambini (le otto), ma si è svegliata subito (alle dieci) ed é scesa, per colpa appunto della rucola.

Si accende la sigaretta ed esce in giardino lasciando la porta aperta. Probabilmente pensa che così facendo piuttosto che far entrare il freddo fa uscire il caldo a suo benificio.
Rientra, finisce il bicchierino, intanto la invito a sedersi, ma dice di essere stanca. Le faccio notare che ho dovuto riordinare la sala, mi risponde che i bambini si devono poter esprimere. Ha ragione lei, ovviamente, e torna su a dormire.

Sto vivendo le prime ore del (non) regime anarchico di Paola, mia suocera, esibitasi per l'occasione in un passaggio pubblicitario sulla rucola.
Cristiana è partita per la Palestina da poche ore e manda gia' qualche mail stile to do list e sa benissimo che ormai io e Paola abbiamo allestito un governo tecnico provvisorio stile "qui, a bengodi, non comanda nessuno".
Va detto che la giornata è stata lunga per tutti, bambini compresi. Paola ha pure lucidato una porta, non certo un'amenità.

Io sono andato in pellegrinaggio a Northcote Road in cerca di un colpo di fortuna; mancavo da piu' di un anno e mi piace sempre, anche se ci sono troppe agenzie immobiliari: gli affitti della attività commerciali viaggiano a prezzi impossibili, come da area posh che si rispetti.

Poi da B&Q con Paola e Jacopo per comprare attrezzi da giardino (=oggetti inutili e cazzate varie), infine a Brick Lane a salutare Gaspare.

A casa si dovrebbe fare un po' di giardinaggio; Cristiana da Nablus scrive: "avete cominciato a togliere ghiaia? non sarebbe meglio poi chiamare un giardiniere x livellare terreno e mettere erba nuova? ti prego non facciamo una schifezza....".

Tranquilli tutti, pianterò della rucola.

1 commento:

  1. vi mando la serena che vi fa progetto del giardino alla rucola step by step, molto severa ...ma anche molto corruttibile allo stile bengodi.
    Intanto chiede sempre dei "vostri amici inglesi" il cugino cristian che spesso viene per lavoro a londra...se lo ricevete (non a dormire s'intende, lui si organizza con l'azienda) secondo me lo fate felice e anche voi vi divertite. Ma è solo una mia idea,il maffeo sta sulle sue sull'argomento (come al solito).
    London weather? Gemme polpose e occhieggianti sui ciliegi di troutbeck? Qui magnifici 20 gradi.
    Pupi

    RispondiElimina