martedì 13 dicembre 2011

Smoking no smoking: quando un uomo sa di fumo

Non fumo più. Una canna ogni tanto, per essere ancora sul pezzo.

Ma da due giorni assumo tabacco in modo indiretto: due tazze o anche tre; e solo al pomeriggio, ovvero quella parte del giorno così breve che precede la lunga notte invernale.
Albione infatti s'abbuia alle tre e mezza, fa freddo eccetera e quindi impigrisco, prima castoro poi lemure, affogando nel the.

Ho iniziato a berlo per imitazione e poi per compulsione: colleghi che girano con la cuppa, bustine che pendono secche agli angoli dei tavoli, zucchero che ci si ruba e la goccia di latte da dosare a seconda dei gusti.

Certe vecchie signore del mio passato da bimbo bevevano il the con il latte e a me pareva disgustoso, poi per errore mesi fa mi fu versato un fiotto di latte nel the e per educazione non rifiutai.

Da allora sempre. Il latte raffredda il the: un beverone immediatamente consumabile, vagamente inutile e quasi insapore, necessario e quotidiano.

Poi ho scoperto Lapsang Souchong, golden & smokey: a strong, golden tea with a very disctintive smokey character.
Inizio dalla Twinings, poi vediamo.

Roba da suggerirlo a chi vuole smettere di fumare.

Cristiana mi ha già chiesto : "Fra, ma hai fumato?"

Fumo blu, fumo blu
Una nuvola e dentro tu...

2 commenti:

  1. allora bisogna che ne fate assaggiare a Stefano,(che dovrebbe appunto smettere di fumare, come aveva promesso...) anche se beve tea solo se ha l'influenza o ha preso molto freddo (come ne prenderà oggi in giro per sorgenti biellesi).Prenotiamo un tea completo per aprile (poi fissiamo la data con Cristiana)

    RispondiElimina
  2. decisamente il mio preferito da un paio d'anni.

    RispondiElimina