mercoledì 7 settembre 2011

Quaranta, la gallina canta

Bilancio, brutta parola, ma facciamone uno, con la Manica di mezzo e a mezze maniche, nonostante il freddo, poi anche basta: ora che scollino non aggiungo nulla di nuovo al fatto che il passato è l'unica cosa certa, mentre del doman non v'è certezza.

In preda ad una follia da chirurgia estetica ed al fine di fare il paio al corpo perfetto di Cristiana, giorni fa, di ritorno dalla Grecia e galvanizzato dall'abbronzatura, mi sono rasato, per fortuna non depilato, il petto... troppo tardi, quando la prima tagliente rasoiata pareva una corsia autostradale nella Foresta Nera, non mi rimaneva che completare l'opera.

Risultato: un orrore, considerata la biancura (triangolare), la reazione di Cristiana (ammutolita) e di Matilde ("sei brutto così") e la quotidiana necessità di un balsamo emolliente, che lenisca il prurito. Mai più, che i peli crescano!

Non credo che farò l'intervento agli occhi per cancellare la miopia: il medico mi ha detto che finirò con il diventare presbite, non male per uno che legge due libri a settimana.
Dovrei poi andare in palestra (to the Gym!), per togliere la pancetta e farmi venire la tartaruga, che per altro già ho grazie all'effetto "abbronzantura su rotolini di grasso".
Ora poi che per la sanità inglese sono in fascia di età 40-74, devo mantenermi tonico e non c'è niente di meglio che un check up completo (temo il guanto di lattice) proprio il giorno del mio compleanno.

Settembre dunque! l'inizio di settembre precisamente: agosto che finisce e si comincia o si ricomincia, come un gennaio autunnale, sempre un po' a metà, sempre un po' a disagio.

Il sette settembre del:

millenovecentosettantuno: nato da genitori già sui quaranta, alle nove del mattino, di cesareo, quindi fresco come una rosa; qualcuno collega la mia nota pigrizia a quella comoda uscita; vergine ascendente vergine

millenovecentottantuno: ancora bambino o preadolescente, scrivevo poesie, i muratori nella casa di campagna, l'estate con le lucciole (le zanzare non esitevano), le vecchie monete della zia Aurora, i romanzi di London, Verne e Salgari, io che ascolto con il mangiadischi Battiato e chiedermi che mai fosse il centro di gravità permanente, una passione per Elisa e maledetta primavera (che fredda cena e non che fretta c'era).
A settembre cominciava la scuola, Goldrake e Capitan Harlock, Lupin III e le tette di Fujico. Esisteva il presente, ma non lo sapevo.

millenovecentonovantuno: solo contro tutti perché così volevo, io ritorno da Roma dove sono scappato, la vita di un randagio e per amico una suora di cui non ricordo il nome, una città che era un vero puttanaio; con una 126 marrone e il pass entro a Città del Vaticano. Rabbia e avventura.
A settembre ricomincia l'università fatta come un macinasassi, le calze e i maglioni comprati a stock, Pino che canta Renato Zero e prega in chiesa, Massimo che canta Mina e prega in chiesa... Mi vendo, bugiardo e incosciente. L'età in cui si piange da soli e in silenzio.

duemilauno: in un appartamento al penultimo piano di uno stabile a Biella, con gli scatoloni del trasloco, di ritorno da New York dove io e Cristiana siamo stati un mese. Lei dice di non sopportare più il caffè e la cannella, io disfo le valigie e penso al lavoro.
Nel mio regalo di compleanno un biberon.
Non sono più solo, non siamo più due, siamo in tre.

duemilaundici: tra dieci anni ve lo dico, in fondo il presente non si racconta perché è già ora di cambiare.

Baci e poi davvero non ci penso più
Spiderfra

10 commenti:

  1. Il passato è passato; del doman non v'è certezza... rimane il presente l'unica cosa vera e reale . Nel 2031 capirai quanto è importante il presente e ti verrà la smania di riempirlo con mille cose perchè capisci che ci saranno sempre meno presenti e ... troppi passati (di verdura???) - buon compleanno QUARANTENNE - La Pol

    RispondiElimina
  2. Ciao Fra,
    io ho passato il giro di boa dei 40, per il bilancio aspetto 4 anni quando saranno poi 50...sperando di arrivarci perchè davvero del domani non v'è certezza...
    Tu vai di depilazione io per i 40 piercing all'ombelico!!!!
    Baci Carla

    RispondiElimina
  3. tanti tanti tamti e poi tanti auguri! caro fra!
    paoloc
    p.s.: pino non è cambiato, canta ancora renato zero e prega in chiesa ;-))

    RispondiElimina
  4. Non essere malinconico, anche se 40 fanno un certo effetto, hai tutto ciò che è davvero desiderabile: Cristiana e due bambini speciali.
    Buon compleanno!!!
    Lucia (la saggia)

    RispondiElimina
  5. Bellissimo bilancio di emozioni, letto tutto d'un fiato!

    Ti auguriamo un felice compleanno ed un eccezionale avvenire...aspettiamo i racconti!!

    Eliana&Christian

    RispondiElimina
  6. Fujico Fujico Fujico Fujico

    di tutto il bilancio io sempre e solo Fujico

    Auguri auguri auguri

    Il maffeo
    P.S. geniale l'idea gillette e come dice la pubblicità
    "Gillette ... Il meglio di un uomo"

    RispondiElimina
  7. cos'altro aggiungere?
    un compleanno fa ero lì con te :'(
    ed è stata una bellissima giornata!

    RispondiElimina
  8. "fiche" d'india e macchie di marmellata di albicocca sulla tavaglia. Quello che non ...

    gli auguri te li ho gia fatti per telefono, ma so che domani andrai a contare quanti commenti hai ricevuto: questo e` il #9

    RispondiElimina
  9. Arrivo in ritardo....Tanti auguri cuginetto!
    Baci,

    M

    RispondiElimina