venerdì 5 agosto 2011

Il Gelato, il basilico e la cartella esattoriale

Covent Garden*: ad agosto uno dei posti da evitare, per la calca e per l'eccessivo turismo del luogo.
Però quando Gaia mi ha scritto "troviamoci a Covent Garden per un gelato", ho abbandonato lo snobismo d'annata e sebbene perplesso, mi sono adeguato.

Così in un giorno di umida vampa estiva, vedo Gaia all'uscita dalla metro che mi dice "Scusa per il posto..." (volevo ben dire...) "ma c'è una gelateria torinese e ti ci volevo portare..."

Mi scopro sabaudo e seguendo il consiglio di lei ordino un cono medio con pera e nocciola e... finalmente! un gelato che si fa rispettare, fatto ogni giorno negli spazi della gelateria, personale italiano e piccola bottega sul retro, con prodotti di biscotteria, esposti come rari gioielli (troppo pochi, la credenza bianca sembra una teca, andrebbe riempita).

Il nome non mi piace tanto: Gelatorino (Covent Garden, 2 Russel Street), ma qui siamo troppo severi, un po' di sano patriottismo non guasta.

Insomma, il vero gelato italiano**, non le imitazioni delle imitazioni, ma piuttosto cinque minuti di memorabile goduria, da gustare sgaiattolando da Covent Garden, magari lungo il Waterloo Bridge.

P.S.: Questo post avrebbe dovuto riguardare gli acquisti al novantesimo minuto dei saldi (per esempio qui, qui e qui), ma puntuale come non so che cosa Titti-ticcì, l'incolpevole impiegata dell'incolpevole studio commercialista, mi ha steso con le tasse da pagare per l'anno in corso e a venire, svuotandomi di quelle energie necessarie per un sano robusto incolpevole e sereno shopping***.

Colpito al cuore (fino a tre giorni fa a forma di portafoglio) da una cartella esattoriale sproporzionata, giuntami come un fulmine nel cielo sereno degli acquisti, insieme alle ferite, mi sono leccato il gelato.

Tra poco parto per l'azzurro mare d'agosto, ho il profilo greco, un basilico tra i denti, quasi quarantanni e niente di cui lamentarmi, nemmeno del gelato.

*La foto non c'entra niente, ma l'ho scattata in un quartiere di Londra, visitato di recente, quale?
**Per chi vuole si può bagnare la punta del cono nella fontanella che cola continuamente gianduia!
***un paio di scarpe e di jeans me li sono comprati, ma prima della mail di Titti-ticcì.

Nessun commento:

Posta un commento