venerdì 25 febbraio 2011

La politica e la prostata.

Leggo in un articolo firmato Redazione on Line de Il Corriere della Sera la seguente frase:

"L'APPOGGIO DI MUGABE - Dallo Zimbabwe, intanto, arriva la notizia che il dittatore Robert Mugabe avrebbe inviato dei combattenti per dare man forte al colonnello Gheddafi. Il presidente dello Zimbabwe, che da anni soffre di un cancro alla prostata, avrebbe inoltre offerto asilo nel suo paese al leader libico".

Data l'età, forse anche Gheddafi è malato di prostata e chissà quanti dittatori potrebbero raggiungere i dorati palazzi di Mugabe! insomma mal comune, mezzo gaudio; oppure l'intera redazione del Corriere potrebbe essere affetta da una sorta di copia incolla del pettegolezzo mediatico: dall'era post atomica a quella post bunga bunga.

Fin troppo facile sostenere che si tratti di un commento del cazzo che (s)copre una assoluta assenza di informazioni!

Nessun commento:

Posta un commento