lunedì 18 ottobre 2010

La tivvù, i Mereu e l'oracolo digitale

I Benjamin avevano una tivvù per ogni stanza della casa, i cavi entravano ed uscivano dovunque.
Nelle case delle coppie che divorziano meglio verificare il numero delle televisioni: l'incomunicabilità è direttamente proporzionale al numero degli schermi.
L'antennista continuava a ridersela, smontata la vecchia antenna, sradicati i fili di Arianna, a fine giornata eccola lì azzurra, divina, sottile, leggera: lei, la tivvù.
Ora io ammiro i Mereu di Vicenza (ammiroimereu: quasi un palindromo), perchè non hanno la tivvù, ma sono costantemente connessi.
La Rai pare sia diventata inguardabile e la tivvù in generale è diseducativa: così i Mereu di Vicenza hanno cresciuto i figli, senza tivvù, ma probabilmente a suon di divuddì.

Tutta 'sta leziosa premessa per dire che invece i cento canali materializzatisi di là in questa sera d'ottobre servono a migliorare il nostro listening e ad intrattenere come in ogni famiglia media o anomala che si rispetti.

Ho voglia di sceneggiati, di telegiornali, di divanate in famiglia e dei torpori domenicali che solo l'oracolo digitale offre... tubo catodico infatti non si dice più. 

Poi un pensiero fulminante, quasi un oracolo: 
le amicizie che resistono alle moderne tecnologie, alle mail a skype a twitter a facebook, al tempo che passa e all'ossessione del presente sono quelle nate anni fa nei corridoi  del liceo e poi dell'università!
quelle che non sono uno specchio di  me, che non sono quello che ci voglio trovare, che non sono il mio potenziale...
ma quelle che per qualche strano meccanismo o per l'alchimia dei frattali sono tutto quello che io non sono.

2 commenti:

  1. Salve, sono un Mereu (temporaneamente) di Vicenza, dopo essere stato (temporaneamente) di altri posti. Decidemmo di non avere la televisione prima di avere dei figli, quando abitavamo nella dimora milanese degli Strocchi, dove c'era un televisore che occupava 1 dei 24 mq e, mea culpa, era acceso da un secondo dopo essere entrato in casa ad un secondo prima di uscire. Da allora in poi non è mai stata una priorità, tutto qui. Comunque quando c'è (dalla nonna) la guardano, eccome. Tra vantaggi e svantaggi nell'educazione dei figli, credo che sia tuttosommato neutra, però in cambio mangia un sacco di tempo.

    RispondiElimina
  2. non solo leziosi, anche un po' accattivanti, oserei dire paraculi...

    RispondiElimina