sabato 18 settembre 2010

Lontananza di fine settimana

Ora che la lontananza aiuta e il passato diventa una terra straniera, scopro di essere indulgente non solo con me stesso ma anche con il resto del (mio) mondo, con i parenti, con gli amici.

Riesco a semplificare e non me la cavo più con uno sbrigativo "me ne fotto". Annullo perfino il rancore.

Ho pensieri sulla mia generazione, sulla politica, sul sesso, sull'essere padre e così via, che prima non avevo. E non si tratta dell'età; si tratta della condizione privilegiata della lontananza!

Sono cresciuto in fretta ed in un certo senso sono andato via da casa, adesso mi accorgo che riesco quasi a fermare il tempo e vivere una specie di seconda giovinezza.
Con meno melanconia, con la nostalgia che solo la lettura offre.. come se facessi autoterapia... una di quelle sere in cui penso di avere più futuro che passato.

La radice tenace dell'egoismo e non più gocce d'acqua su pietre roventi.

Buon fine settimana
Ilfra

Nessun commento:

Posta un commento