venerdì 9 luglio 2010

Horniman Museum

Mettiamo da parte il Museo (non siamo entrati) e gli splendidi giardini, mettiamo anche da parte le attività per i bambini e gli spettacoli per adulti, tralasciamo ogni riferimento a J.F.Horniman, che nell'ottocento commerciava il the, per fermarci estasiati di fronte a questa conservatory di rara bellezza.

Si invitano gli architetti E. Bottigella, T.Monterisi, F. Boggio, E. Casonato, P. Caregnato, M. Augusto, D. Zordan (e altri blog-lettori) ad una visita guidata al fine di alimentare la loro stanca ispirazione.

Si raccomanda agli stessi la Cue (Centre for Understanding the Environment), un edifico interamente costruito con materiali sostenibili e con il tetto-giardino, situato di fronte alla conservatory.

1 commento:

  1. prossima capatina a londra assolutamente mi ci porterai....
    ovviamente io con cappello a tesa larga e tanti tanti fiori colorati e canarini cinguettanti sopra.....
    baci arch. n° 5 della lista

    RispondiElimina