giovedì 6 maggio 2010

Abbey tea rooms, Pershore

Poi capita un mattino freddo, che il sole non riscalda e acquazzoni improvvisi annunciati da raffiche di vento...
Non c'è niente di più noioso della descrizione del meteo, ma quando ti trovi ore in piedi dietro un bancone del mercato, gli umori dell'atmosfera diventano i tuoi.

Cerco un bagno pubblico: ogni paese dell'Inghilterra ne ha almeno uno e di solito è vicino alla piazza del mercato, aprono presto e vengono chiusi verso le cinque.
Pershore non fa eccezione, il bagno addirittura ha più volte vinto il premio Loo of the year... cesso dell'anno.
Rido, mentre sto attento dove sgocciolo e una voce metallica di donna mi dice che ho i minuti contati, ma che verrò avvisato per tempo (e se mi chiudono dentro?!).
Fortunatamente non ho la cacarella, faccio quel che devo fare in questo loculo, effettivamente pulito, accessoriato, con voce di donna, ma senza finestre.

Esco dal cesso dell'anno e mi accorgo di essere lungo un lato di un prato dal verde intenso, quello della cattedrale anglicana di Pershore: qualche tomba sparsa, salici piangenti e querce ridenti, inglesi che fanno footing di prima mattina e la bandiera bianco-rossa che come una frusta sventola sulla torre più alta della chiesa.
Pershore mi piace, più di Broadway: la gente è un po' più vera, ha voglia di acquistare, di assaggiare, di chiaccherare.
Poi i frequenti acquazzoni costringono i passanti a riparare sotto i gazebo, si parla con ironia del tempo, come in una qualunque conversazione tra umani... donne infagottate, alcune in maniche corte, bambini seminudi e vecchi ingobbiti, dalle unghie sporche.

Faccio una pausa e mi compro un grappolo d'uva da Tesco, che a Pershore è poco più di un negozietto, poi nella piazza mi imbatto nell' Abbey tea rooms, un'elegante cafeteria.
Guardo con un po' d'invidia le persone che ci lavorano, gli arredi eleganti ed informali , i tavoli e le torte di frutta, la gentilezza del personale. Vorrei fosse mia.
Ma questa è un'altra storia.

1 commento:

  1. :-)..non entro nel merito della caffetteria...
    stavo spiando Troutbeck Road su google street view...ma, il terzo ciliegio più grande a partire da New Cross Rd. ,è dello stesso colore degli altri?! ;-)
    stavo spiando dove stavate...bella via...non c'è dubbio...fico sto English Style...fico...
    simo

    RispondiElimina