lunedì 26 aprile 2010

Home...










Finalmente è arrivata domenica mattina. Volo per Londra previsto per le 10.30 (e una settimana esatta di ritardo!).
Arrivo in via G. per recuperare i bambini e andare a Caselle ma... la Mati ha le febbre altissima e giace tipo ameba sul divano dei miei.
Dopiamo la bambina che sotto l'effetto della tachipirina riesce a trascinarsi in macchina. Arriviamo all'aeroporto e, esattamente tra le porte girevoli Jacopo vomita e intanto cammina, come se fosse una cosa normalissima. Non si scompone neanche, continua a camminare verso la hall e la porta (girevole) successiva si porta via il vomito...
La Pol è davanti con la Mati in braccio, io dietro con 8 valigie su un carrello... non so se ridere o piangere, per fortuna mi butto sulla prima opzione, d'altronde... tanto peggio per le porte girevoli!
Con queste premesse saliamo finalmente sull'aereo e arriviamo a Stansted dove non posso fare a meno che prendere un taxi (il cui costo è pari al valore dei tre biglietti aerei!) su cui i bambini si addormentano all'istante.
Un'ora dopo siamo quasi a casa e il taxista mi lancia un simpatico '"scusi sa, ma non vengo mai da queste parti"...che vuol dire nel sud-est di Londra, forse perché
generalmente chi abita in queste zone non prende un taxi da Stansted (e forse infatti anch'io generalmente non lo prenderei!) e io non posso che sorridergli dallo specchietto retrovisore visto che non ho voglia di imbattermi in una disquisizione socio-economica sui quartieri di Londra e il loro life-style.
Ma ecco che il taxista imbocca finalmente Musgrove Road e da lì gira a destra in Troutbeck Road...e davanti allo spettacolo dei
ciliegi giapponesi in fiore gli scappa un mugolio..
Io, sempre sul sedile posteriore, mi compiaccio e godo dell'uno pari col taxista.

2 commenti:

  1. davvero spettacolare il viale con gli alberi in fiore, un pò alla "dolls"!... insomma, più o meno, se togliamo le auto, l'asfalto, le case, ecc..!!
    sandy

    RispondiElimina
  2. a me fa venire in mente Sogni di Kurosawa, ma forse avevo in mente Dolls, in entrambi i casi
    senza macchine
    fra

    RispondiElimina