lunedì 12 aprile 2010

All the single men: macrocephalous

La foto non mi rende giustizia, cioè mi rende macrocefalo... single macrocefalo e calvo insomma.
Chissenefrega, il sorriso ammiccante sta ad indicare la mia felicità: sono a Tooting con il Kam.
L'ultima volta che mi trovai nel quartiere a sud ovest di Londra, a maggioranza indiana, fu proprio con Kam. Mi ci portò in macchina, perchè lì lui era cresciuto: la mamma lo portava spesso al mercato coperto e nella merceria dei Patel Brother.
Dunque telefono al Kam e ci diamo appuntamento fuori dalla metro di Tooting Broadway e dopo un po' di shopping andiamo da Patel Brothers (Kam mi spiega che Patel è un cognome tipo il nostro Rossi): lì mi compro la celeberrima scatola di acciaio inox per le spezie, esattamente come otto anni prima, solo che questo lo compro per la mia casa di Londra.
Alla cassa una signora indiana è la copia vivente della mitica (mitica per me almeno) Indira Gandhi, con una voce talmente suadente e dolcemente roca, da trattenermi a stento dal chiederle l'autografo.
Attraversiamo la strada per andare a comprare le spezie e completare l'opera: Kam inizia a raccontarmi di una ricetta di melanzane che faceva sua madre, melanzane lunge nere e piccole da tagliare per il lungo in quattro e coprire con il giusto mix di spezie.
La mattinata non poteva che finire in pentola, la pentola di Lahore (Lahore Karahi), il nome del ristorante dove Kam ha scattato la foto al macrocefalo felice.
I piatti a cui il macrocefalo felice ammicca sono: montone con fieno greco e ginger e, dove ho il cucchiaio, melanzane con patate, accompagnato da yoghurt bianco e pitta bread.
Dopo un caffè italiano da Caffè Nero che in bocca non poteva nulla contro il furore delle spezie, saluto Kam e a piedi o quasi raggiungo Clapham Junction, con la coscienza di aver restituito un favore ad una persona, ad un quartiere, ad un cultura a me, ancora e forse per sempre, sconosciuta, che però molto mi aveva dato e molto mi ha cambiato.
Pensavo a quando Cri era incinta di Matilde e più del solito non ne voleva sapere di cucinare, io tiravo fuori il box di spezie e cercavo di salvare la situazione... il tandoori, il garam masala, la curcuma, il cumino, il cardamomo in semi ed in polvere, il coriandolo, l'anice stellato, il ginger, il fieno greco, i semi di papavero, di lino...

3 commenti:

  1. ma non potevi comperare anche le pentoline nere? che il giorno che avremo una cucina farebbero un figurone...sempre che a cucinare sia tu.
    c

    RispondiElimina
  2. le pentoline nere?
    quali??? volevo comprare il mortaio in sasso, ma per trasportarlo mi ci volevano i bicipiti
    ciao
    fra

    RispondiElimina
  3. mi sembri Mr Bean!!!

    RispondiElimina