mercoledì 17 marzo 2010

Il cetriolino erotico

Dal bus ventuno a due piani (double deck), lo si vede spuntare, il Gherkin, progettato da Sir Norman Foster.
Il centriolino erotico per il Guardian e la BBC, per i Londinesi il cetriolino e basta, di quelli che si gustano in agrodolce nei vasetti.
Osservato da lontano il palazzo non mi piace: una specie di intruso (!) in mezzo ad altri edifici.
Il nome non aiuta, a me poi ricorda un proverbio romano che ho imparato da un dirigente della Grignasco Garda: er cetriolo va sempre 'n culo all'ortolano.
Considerato che è un simbolo della City, il cuore economico e finanziario di Londra, il proverbio mi pare approppriato.
Il Gherkin appartiene però allo skyline della città e visto da vicino è spettacolare ed elegante.
Se alzi lo sguardo tra Monument e Whitechapel, nel triangolo tra Gracechurch Street-Bishops Gate, Leadenhall Street e Duke Place, il Gherkin è lì, riflesso sui vetri di ogni edificio circostante, senti l'ossatura leggera della sua struttura. Oggi su Londra il cielo era traslucido, un biancore di nuvole e sole che sospendeva lo scorrere delle ore: dalle nove all'una la stessa immobile luce.
A muoversi solo gli uomini e le donne della City .

*sostituite nel testo "Gherkin" con "cetriolino", così vi suona come agli inglesi...

Nessun commento:

Posta un commento