giovedì 29 ottobre 2009

Fuga a Brick Lane

Erano anni che bramavo di imbattermi in una personale di Sophie Calle!
Sabato, finalmente, sono riuscita a ritagliarmi un paio d'ore per una fuga a Brick Lane dopo una very english breakfast (ebbene si, bacon, salsiccia, uova, funghi, fagioli il tutto su un letto di pane e burro..davanti alla pol semi-inorridita col suo espresso+brioche) al Deptford Market.
Prima tappa della giornata: un seminario sulle pratiche artistiche rivolte al sociale moderato da Bill McAllister (una vecchia conoscenza della fondazione) nell'ambito del This is not a Gateway Festival (e che p.... direte voi...). Seconda tappa: il supermercato bangladeshi di Brik Lane (dove ho acquistato il Tandoori per la Giusy e dei bellissimi cucchiaini molto apprezzati dal fra). Terza ed ultima tappa: la mostra di Sophie Calle alla Whitechapel...una bella antologica dei suoi lavori, a partire dagli anni '80 fino a Prenez soin de vous che era stato presentato alla Biennale di Venezia del 2007. Una mostra che ti riconciglia con il prossimo, con lo sconosciuto che incroci tutti i giorni sulla tua strada, con la città e l'anonimato dello spazio pubblico. Una mostra che ti fa star bene, soprattutto le donne...

1 commento: